Autori d’estate – Pietro Fronterrè

Ci stiamo quasi avvicinando alla fine di questa bellissima estate e vogliamo dedicare le ultime due puntate di questa rubrica a due autori speciali.

Oggi lasceremo la parola a Pietro Fronterré che con Intrecci ha già pubblicato due romanzi Canto breve e Splendida Chimera.

Una trilogia ambientata della bellissima Pozzallo.

 

Sin da ragazzo ho sempre avuto la passione dello scrivere, tendenza, che però, in età adulta, si è trasformata in una mera necessità.

Ho iniziato a comporre brevi racconti, testi teatrali, soprattutto, alcuni rappresentati, ma non ho mai pensato alla loro pubblicazione.

Maturando, sono nati i romanzi veri e propri, il primo risalente alla metà degli anni novanta del secolo scorso, quindi, poco dopo, un romanzo a sfondo fantastico-religioso, infine la trilogia su Pozzallo ed uno in parte ambientato nella città che mi ha adottato, Alessandria.

Naturalmente ho continuato ad occuparmi di testi teatrali, l’ultimo anch’esso una trilogia sulla Grande Guerra in occasione del centenario.

Arrivare alla pubblicazione è stato inevitabile. Mi sentivo pronto, per così dire. Certo mi ha fatto impressione vedere il mio libro stampato e rilegato, pubblicizzato varie volte su Internet, oggetto di alcune recensioni. Sicuramente l’emozione è tanta, poi credo che ci si abitui, così è arrivato il secondo romanzo pubblicato e a breve ne seguirà un terzo. Ma come ogni primo amore, si resta particolarmente legati al primo testo edito.

Non so se definirmi uno scrittore, sta di fatto, ora che sono in pensione, continuerò a scrivere più di prima, con immutato entusiasmo e fino a che le idee non mi abbandoneranno.

 

 

 

Ma come non avete ancora letto la storia di Pietro Arezzo?

Ecco il link per Canto Breve

E Splendida Chimera