narrativa

Intervista a Michele Rampazzo

Eccoci di nuovo su YouTube con l’intervista a Michele Rampazzo

Febbraio è stato un mese di pausa ma eccoci pronti a rifiorire con la primavera.

Oggi ricominciamo alla grande con l’intervista a Michele Rampazzo autore de La speranza dei vinti.

Non avete ancora letto il libro e volete sapere di cosa parla il libro?

Non vi preoccupate ci pensiamo noi!

Read More

Come candele nella notte di Maurizio Roccato

Come candele nella notte di Maurizio Roccato nelle migliori librerie

 

Come candele nella notte è il nuovo libro di Maurizio Roccato. Un giallo, scritto molto bene, da un autore che non è affatto un esordiente, al suo attivo ha già tre libri.

Il libro è uscito da circa un mese e abbiamo già un’ottima rassegna stampa, tanto che il libro sta andando letteralmente a ruba. Nelle prossime settimane l’autore sarà intervistato da Prima Radio e in diretta ci svelerà qualche retroscena della trama.

Read More

Intervista a Simona Barugola

Ecco l’intervista a Simona Barugola autrice di “Andy e la lega del tempo”.

Mi lega a Simona un rapporto professionale durato tanti, tanti anni. L’ho vista crescere, come autrice, con la stessa velocità e dolcezza con la quale ho visto crescere le sue ragazze. Sempre dolce, sempre presente, Simona è una penna fidata che accompagna i lettori, più o meno giovani, alla scoperta di loro stessi. Verso mondi immaginari che, a ben vedere, sono molto reali. Verso avventure che mettono a dura prova, ma che tendono sempre verso il bene. La sensibilità di Simona è rara: sa sempre trovare una parola gentile, sia nella vita che nei suoi scritti. Davvero veste e porta con onore le Parole con le quali intesse i suoi libri. Seguitela nel suo percorso di scrittura: si poserà sul vostro cuore come una lieve farfalla, e porterà con sé tanta bellezza.

Natascia Pane, fondatrice dell’agenzia letteraria Contrappunto
Questa intervista inizia così, con le splendide parole di Natascia Pane, fondatrice dell’agenzia letteraria Contrappunto e Talent Coach.
Read More

Quello che verrà! Le nostre novità editoriali!

Piccole anticipazioni sulla nostra collezione Primavera-Estate 2016

Non ci piace svelare in anticipo quello che sta succedendo tra le scrivanie della nostra casa editrice.

Ma abbiamo deciso di regalare a chi ci segue sui Social Network e sul nostro blog una piccola anteprima di ciò che a breve, proprio questione di ore, potrete trovare nelle migliori librerie, nei principali store online e ovviamente sul nostro sito

Sono due le uscite che accompagneranno questo mese di Aprile che ci fanno risvegliare dal torpore invernale. Due libri che andranno ad arricchire la nostra collana Enne di narrativa su cui abbiamo molto lavorato.

Nei prossimi giorni vi parleremo dettagliatamente di entrambi i libri, oggi vogliamo regalarvi, tramite questo book trailer, un assaggio di uno di questi. Stiamo parlando di Amori possibili di Maurizio Corrado.

Non aggiungiamo altro per non rovinarvi la sorpresa, quindi buona visione!

 

 

…E non fanno rumore di Claudio Capretti

…E non fanno rumore

di Claudio Capretti

Gennaio è un mese strano. Ci lasciamo alle spalle il vecchio anno per ricominciare con dei buoni propositi che puntualmente, per un motivo o per un altro vengono disattesi.

In questo gennaio 2016, Intrecci Edizioni vuole puntare su due novità editoriali. La prima ve l’abbiamo presentata la scorsa settimana (questo il link per chi se la fosse persa), oggi vogliamo parlarvi della seconda novità fresca di stampa.

Read More

Intervista a Ciro Brandi autore di Figlio di nessuno

Brandi_Copertina_sito

Quando per la prima volta ho letto questa proposta editoriale sono rimasta colpita dalle dure parole usate dall’autore.

Poi un giorno di alcuni mesi fa ci siamo conosciuti. Le nostre strade si erano divise e poi si sono incrociate di nuovo perché non riuscivo a togliermi dalla testa quel libro. Abbiamo parlato, ci siamo conosciuti ed è nata la voglia insieme di pubblicare questo libro Figlio di nessuno.

Quando Ciro Brandi mi ha consegnato, durante questo incontro, l’ultima stesura del testo ho voluto rileggerlo di nuovo. Ed è stato proprio allora che ho capito ciò che lo aveva spinto a scrivere e mettere nero su bianco ciò che aveva vissuto.

Le dure parole usate hanno lasciato spazio alla commozione più sincera.

Ciro Brandi è uno scrittore, mi ricorda Erri De Luca, molto schivo, non vuole far parlare di sé ma ha il coraggio di dire la sua, senza peli sulla lingua. Ecco questo è uno dei motivi che mi ha spinto a volerlo fortemente con noi: per il suo coraggio di raccontare una storia difficile, piena di ostacoli ma piena di speranza, perché questo libro possa essere una testimonianza e un conforto per quanti stanno vivendo un dolore simile.

INTERVISTA A CIRO BRANDI

  • Figlio di nessuno un titolo forte come il testo che lascia poco spazio a fraintendimenti. Da dove è nata l’esigenza di scrivere questo testo?

In un momento difficile della mia vita ho sentito il dovere e il bisogno di scrivere ciò che sentivo dentro da tempo. Sono riuscito ad aprirmi e scrivere tutto quello che non ho mai detto, in se è stato come prendere una medicina nel momento in cui mi sentivo più malato.

  • Il protagonista vive un dolore intenso. Si sente rifiutato e abbandonato. Che cosa prova un bambino quando viene allontano dalla propria famiglia?

Molto dolore, rabbia, si sente colpevole di quello che succede. Un bambino non capisce che cosa accade, non comprende il motivo dell’allontanamento e conosce solo il senso di colpa.

  • È possibile superare questo dolore? E come?

Non dipende da un fattore solo. Sicuramente il tempo e le persone che ti accompagnano in questo tempo possono e devono essere d’aiuto. Credo anche che non tutti riescano a superarlo, è un dolore troppo grande e forte, a volte una vita non basta per rimarginare la ferita.

  • Un altro elemento cardine del libro è il Perdono. È possibile perdonare persone da cui ci si aspetta amore incondizionato?

Il perdono è una delle vie che aiutano a superare il dolore. Ma anche qui è necessario avere vicino qualcuno che ti spieghi i significati di perdono, altrimenti il concetto in se non è abbastanza.

  • Nel libro c’è anche un velato attacco nei confronti degli Istituti che ospitano ragazzi con problemi. Che cos’è che non va in queste strutture?

Molte cose non funzionano, la più importante tra tutte è la mancanza di responsabilità negli adulti. Il problema nasce da noi adulti, siamo noi a dover cambiare, a dover riconoscere i nostri errori prima di vedere e voler correggere quelli dei bambini. Il processo di crescita del bambino deve avanzare secondo il suo tempo, noi adulti lo dobbiamo accompagnare seguendo un processo evolutivo che segue le sue tappe e non le nostre.

  • Che cosa deve essere migliorato?

La nostra responsabilità nei confronti di chi è li non per scelta sua.

  • Che ruolo dovrebbe avere lo Stato?

Lo Stato non lo so. Credo che chi di competenza dovrebbe garantire che gli adulti esercitino e gestiscano il potere che hanno con responsabilità e professionalità.

  • Gli educatori hanno un ruolo fondamentale. Un ruolo difficile e molto delicato. Quali sono le principali difficoltà che si incontrano in questo lavoro?

Una su tutte: il mettersi in gioco, se non lo fai non puoi fare questo lavoro.

  • Questo libro è anche e soprattutto una testimonianza di speranza e coraggio. Il protagonista è riuscito a suo modo a dare un senso a tutto questo dolore ma a quale prezzo?

Il prezzo di non aver vissuto la propria famiglia, il fatto di non sapersi e potersi riconoscere in qualcuno. Da qui nasce l’incertezza dentro di te e un profondo senso di solitudine. Una solitudine che bisogna saper sconfiggere se si vuole vincere e non sentirsi più soli.

Nel nostro store:

Ciro Brandi, Figlio di nessuno

Pagine: 80

Prezzo: 12,00 €

pulsante-acquista-adesso-ar

Ciro Brandi, Figlio di nessuno

Brandi_Copertina_sito

Il nostro primo titolo di narrativa.

Oggi esce Figlio di nessuno di Ciro Brandi.

La prima volta che abbiamo letto questa proposta editoriale siamo rimasti colpiti dalla durezza, dalla rabbia, dalla delusione che emergono da questa lunga lettera, che l’autore scrive ad un amico che non c’è più, in cui racconta della sua vita e della sua crescita senza una madre e un padre al suo fianco.

Ma questo testo è anche pregno di amore e di speranza. La speranza che si possa un giorno perdonare chi ti ha fatto tanto soffrire, la speranza di poter cambiare le cose e l’amore di chi, nonostante tutto, è riuscito a dedicare le sue forze agli altri.

Leggendo questo testo probabilmente, alla fine, vi scenderà una lacrima, perché è un sentimento di commozione che il libro provoca in chi lo legge. Commozione profonda e intensa per un autore che ha saputo narrare il suo dolore e la sua speranza.

Per saperne di più

“Ringrazio i miei genitori per avermi dato la dato…” è l’inizio di una storia vera e toccante; un viaggio attraverso gli occhi di un bambino che racconta come è diventato uomo attraverso il sacrificio e la solitudine senza perdere mail la speranza.

Oltre l’allontanamento dai genitori e l’accoglienza in comunità, è un “figlio di nessuno” a narrare di relazioni umane, del calore, dell’affetto e dell’ascolto di cui ogni bambino avrebbe bisogno per crescere; e questo con l’unico obiettivo di stimolare la responsabilità di ognuno nel proprio compito di genitore, educatore, insegnante, formatore, psicologo…

“Sono figlio di nessuno” è l’affermazione impaurita e consapevole di chi non conosce il valore di una famiglia e proprio per questo percepisce di essere in difetto senza però conoscere le ragioni profonde.

Questo libro è un tributo al coraggio e alla vita, perché al di là dell’abbandono e della solitudine si apre l’universo della ricchezza umana e si può scegliere di essere più forti e vincere.

 

Ciro Brandi, nato a Trento nel 1976, iscritto al terzo anno di Scienze della Formazione e Educazione a Padova, nel 2000 ha avuto una prima esperienza lavorativa nel sociale per poi collaborare dal 2007 ad oggi in vari progetti comunitari.

pulsante-acquista-adesso-ar

Pagine: 80

Prezzo: 12,00 €

Collana: Enne

ISBN: 978-88-9955-002-8